mappamondo-antico

Mappamondi: oggetti magici per viaggiare con la fantasia

Mappamondi: viaggiare con la fantasia

mappamondo-luminosoIl Mappamondo è uno degli oggetti più affascinanti che la scuola e lo studio in generale possa averci regalato. Alzi la mano chi non si è incantato per ore davanti al proprio mappamondo, fantasticando su mete lontane, passando con la punta del dito da un continente all’altro.

Ma che cos’è il “mappamondo”?

Il globo, detto anche (ma impropriamente) mappamondo, è una riproduzione in scala, sufficientemente fedele, del pianeta Terra.

Il termine indica genericamente un oggetto sferico e, per antonomasia, la Terra stessa.[1] Nonostante questa abbia forma ellissoidale, o, più propriamente, di “geoide”, il globo costituisce infatti una buona approssimazione.

Un globo rappresenta una riproduzione in piccola scala di alcune caratteristiche della Terra; perciò, date le dimensioni, su di esso possono essere riportate solo le caratteristiche generali della superficie del pianeta, indicate con una grafica convenzionale.

Il prototipo, definito “Globo terrestre di Norimberga”, venne costruito tra il 1490 ed il 1492 dallo studioso tedesco Martin Behaim, che utilizzò una scala 1:40 milioni (ancor oggi questa è la scala più comune nella costruzione di tale strumento).

Esistono tipologie diverse di globi, riportanti, secondo i casi, le caratteristiche fisiche del pianeta, in alcuni esemplari anche in rilievo, o i confini politici, o altre proprietà politico-economiche. Alcuni globi sono luminosi, per effetto di una lampada interna: l’accensione o spegnimento della lampada può rendere possibile la visualizzazione di caratteristiche diverse. I globi, solitamente in materiale plastico, sono generalmente montati su supporto che rende con buona approssimazione l’effettiva inclinazione dell’asse terrestre. L’uso dei globi è per lo più didattico, ma non mancano gli scopi ornamentali. Esistono anche globi antichizzati, che riportano le mappe della terra come si realizzavano in epoche precedenti.

Oltre ad essere poco maneggevoli, i globi non consentono di raffigurare la superficie terrestre con quella ricchezza di particolari che è necessaria negli studi geografici, per i quali sono più idonee le carte geografiche di scala più ampia.

Tuttavia il globo geografico rimane la rappresentazione più realistica della Terra.”

(Fonte Wikipedia)

Bene, adesso che abbiamo letto la definizione del termine “mappamondo”, ne sappiamo un poco di più ma il viaggio sulle ali della fantasia non finisce certo qui. In questo blog troverete curiosità e notizie che riguardano il mappamondo ma anche le varie tipologie di questo bellissimo strumento.

 

 

Allora, mi raccomando, continuate a seguirmi e scoprirete cose insolite.

😀